20.4.21

Cerchi e losanghe

I cerchi sono le impronte di un tappo di plastica, le losanghe sono ottenute con uno stencil handmade e colori acrilici su gel plate.
Adoro le tinte contrastanti!

18.4.21

Cronologia di una scoperta

Non aspettatevi nessun accenno ai risvolti umani della scoperta che ha fruttato il Nobel alla Montalcini: persino nelle lettere che, dal laboratorio americano, la scienziata scrive ai familiari non fa che parlare dei suoi studi!
Anche se apparentemente indirizzato ai non addetti ai lavori, in pratica questo è un conciso saggio cronologico sul progredire delle ricerche.

Date un'occhiata a questo paragrafo:

Vi è chiaro il significato? Se, come la sottoscritta, avete dovuto rileggerlo un paio di volte, facendo appello a riminiscenze universitarie, per seguire il filo del discorso...direi che questo libro non fa per voi...per noi! ;)

Autore: Rita Levi Montalcini
Casa Editrice: Dalai Editore
Pagine: 194
ISBN: 9788860735577

16.4.21

Controproverbi Journal - Pagina 15 (ed ultima!)

Alla fine tutti i nodi vengono al pettine.
E i furbi passano alla spazzola. ;)
Collage di fili da ricamo, annodati fra loro, su pagine colorate con acrilici.

junk journal

15.4.21

Righe e pallini

Abbinando insieme righe e pallini, si ottengono tramature interessanti:

Ma a volte basta solo cambiare l'orientamento di semplici trattini per movimentare le pagine:


14.4.21

Buttare o ritagliare?

Sarà capitato anche a voi di interporre fogli di carta "brutta" tra le pagine di un journal per proteggere il lavoro già fatto da quello in corso...

E avrete così d'avanzo quei fogli macchiati, usati e riusati:

Di solito cosa ne fate, li buttate via? Spero proprio di no, perchè si possono ritagliare a strisce e riutilizzare in seguito:

Se siete buoni osservatori, riuscirete a scovarli, qua e là, tra le pagine dei miei journal! ;)

13.4.21

Pop Art?!

Tinte psichedeliche per questa ragazza dall'aria stralunata...ma non è colpa sua, come diceva Jessica Rabbit è che mi disegnano così.
La colpevole sono io che ho voluto azzardare colori improbabili per il trasferimento d'immagine con il gel plate!

12.4.21

Repetita iuvant

Repetita iuvant sostenevano i latini e indubbiamente ribadire un concetto può aiutare a comprenderlo e/o a ricordarlo meglio...ma cerchiamo di non esagerare, competendo con Monsieur De Lapalisse:

Si tratta dello screenshot di un corso che sto seguendo online, originariamente in lingua spagnola ma -teoricamente!- sottotitolato in italiano...
Colpa del traduttore automatico?! :))

11.4.21

Troppo cioccolato?

Probabilmente qualcuno obietterà che il cioccolato non è mai di troppo! ;)
Ammetto che anche a me il cioccolato piace molto, però in dosi moderate, se esagero mi provoca la nausea. n_n
In questo periodo poi, con la Pasqua appena trascorsa, è possibile che in tutte le case si siano accumulate un po' di uova di cioccolato...che fare per evitare il rischio dell'overdose da cacao? Semplice: mischiamo il cioccolato con qualcosa di salato ed eviteremo i fastiti da indigestione! Ecco il mio rimedio:

Questi cioccolatini potrebbero con onore entrare a far parte della collezione dei brutti ma buoni...come del resto quasi tutte le ricette che vi propongo! :))

Gli ingredienti:
- Cioccolato avanzato
- Misto salato di frutta secca sgusciata
- Un goccio di latte
Le proprorzioni sono circa 1 parte di frutta secca ogni 2 parti di cioccolato e 1 cucchiaio di latte.

La preparazione:
- Sciogliere il cioccolato nel microonde.
- Mescolando aggiungere il latte e la frutta secca (senza tritarla!)
- Versare a cucchiate il composto su carta da forno e lasciar raffreddare, eventualmente in frigorifero.

Un ultimo avvertimento: tenere lontano dalla portata dei soggetti in regime di dieta ipocalorica! ;))

9.4.21

Trame e riempimenti-Copertina e prime pagine

Ho realizzato un campionario dei doodles che uso spesso come motivi di riempimento delle pagine di art journal, ecco la copertina vista di fronte:

Questa è invece la veduta d'insieme, dove si nota meglio la rilegatura con i fili colorati:

Il libretto l'ho ottenuto alterando le pagine di uno dei fascicoletti pubblicitari che vi avevo mostrato qualche giorno fa, ve li ricordate?

Poichè le schede campionario sono tutte in nero su bianco, ho pensato di vivacizzare le pagine colorandole con gli acrilici e creando i pois con dei pennarelli.
Eccone alcune:

A volte bastano solo delle semplici righe o dei trattini ripetuti per riempire i vuoti tra i vari elementi di una pagine di art journal!
Restate sintonizzati per vedere le altre pagine! ;)

8.4.21

Controproverbi Journal - Pagina 14

Chi trova un amico trova un tesoro. Ma chi trova un tesoro trova tanti amici!
Collage con ritagli di riviste, gemme adesive, pizzo su pagine colorate con acrilici. Il trasferimento d'immagine, risultato un po' sbiadito, è ritocatto con matite colorate.

junk journal

7.4.21

Lo scrigno del tesoro

Beh, più che uno scrigno si tratta di un cassonetto, il cassonetto per la raccolta differenziata di carta e cartone...avete idea di quali e quanti tesori ci si può trovare?!
Voi dove abitate, in casa indipendente o in condominio? Io sto in condominio il che, oltre agli innumerevoli svantaggi legati alla convivenza forzata con persone che non ho scelto, offre però anche qualche vantaggio...due vantaggi per la precisione: l'espositore per la pubblicità e il cassonetto della carta, che rappresentano una fonte inesauribile di materiale per un riciclatore compulsivo!
Guardate ad esempio cosa ci si può trovare:

Questi libretti, che da qualche anno ho in lista d'attesa per essere riciclati, li ho ripescati dal cassonetto della carta...
Da noi funziona così: il materiale pubblicitario viene dapprima inserito nell'apposito espositore dal quale, se ho fortuna e se riesco ad eludere gli sguardi di disapprovazione della portinaia, riesco già a prelevarlo.
Dopo qualche giorno, è la portinaia stessa che raccoglie ciò che è avanzato e lo butta nel cassonetto della raccolta differenziata. Qui è più difficile ripescarlo: il cassonetto è profondo e quando è appena stato svuotato non si riesce ad arrivare fino al fondo...ma le risorse di noi riciclodipendenti sono illimitate! :)
Cosa, cosa? Mi chiedete se vale la pena di darsi tanto da fare per recuperare quella che in definitiva è solo spazzatura? Giudicate voi, ecco cosa se ne può ricavare:

Per ora ne ho alterati quattro, trasformandoli in junk jurnals e campionari, poi si vedrà...
E voi non perdetevi i prossimi aggiornamenti se volete assistere al risultato del restyling!

6.4.21

Cosa si ricicla oggi?

Blister farmaceutici, tappi di bottiglia, stringhe plastificate, frammenti di gomma...ed ecco fatto lo sfondo!
Colori acrilici e gel plate per legare insieme il tutto.

5.4.21

E' l'uovo per me!

Parafrasando un vecchio successo discografico di Mina, potrei dire che questo è l'uovo per me, fatto apposta per me...

Eh, sì perchè oltre ad essere stato realmete fabbricato apposta per me dalle talentuose mani di Simplystella, rispecchia appieno i gusti della sottoscritta, il cui palato è attirato più dal salato che dal dolce.
Quindi non un uovo di cioccolato con sorpresa ma una sorpresa di uovo che contiene un campionario delle mie pizze più gradite:

Naturalmente, visto che Stella Baldi non è una cuoca ma una miniaturista, lo sfoggio culinario è stato attuato con paste polimeriche rigorosamente non commestibili:

E se volte farvi un'idea delle dimensioni di questa tavola pasquale, confrontatele con la moneta da 1 centesimo di Euro appoggiata lì sopra:

Incredibile vero, che sia tutto finto?!
E se vi è comunque venuta l'acquolina in bocca, abbiate pazienza perchè, un po' alla volta pubblicherò le ricette di tutti questi manicaretti e potrete copiarli anche voi...con ingredienti mangerecci però! :)

4.4.21

Italian Secret Service

Esilarante: non credo che altre parole potrebbero descrivere meglio questo film! Sceneggiatura, interpretazione ed intreccio resistono al passare degli anni e confesso che, riguardandolo, mi capita a volte di ridere prima della battuta, già pregustandola!

Trama:
Il protagonista, ex partigiano noto con il nome di battaglia Capellone, accetta di eliminare dietro compenso quello che gli viene prospettato, da un sedicente esponente della CIA, come un pericoloso neonazista americano.

Ma i tempi della guerra partigiana sono ormai lontani e Capellone non e la sente di uccidere un uomo a sangue freddo, così cerca di passare il problematico incarico ad altri...che si riveleranno ancor meno determinati di lui!

Per farla breve: l'ingrato compito viene trasferito di mano in mano, con il compenso progressivamente dimezzato, ad individui di volta in volta sempre meno svegli, sino alla rivelazione chiave: il presunto neonazista è in realtà l'inventore della Cola-Cola che, mosso da ideali umanitari, ha deciso di vendere la formula della famosa bibita -al simbolico prezzo di 1 Dollaro!- al Governo Sovietico affinchè la produca per la felicità dei propri connazionali.

Intuendo a questo punto che forse l'americano vale più da vivo che da morto, Capellone, con i compari che gli si sono nel frattempo aggregati, decide di puntare sul ricatto, estorcendo ai russi il compenso agognato in cambio della consegna dell'inventore.

Però...il diavolo fa le pentole ma non i coperchi: ad insaputa di Capellone, che è impegnato a trattare con il servizio segreto sovietico, l'americano, deluso ed amareggiato, elude il controllo dei suoi sequestratori e si suicida, vanificando le illusioni di facile guadagno della scalcinata banda.

Il finale conferma, se mai ce ne fosse bisogno, che la lobby degli industriali trionfa: era loro il progetto di eliminare l'inventore idealista e, dopo averlo realizzato, non devono far altro che cautelarsi contro gli scomodi testimoni con un bel lavaggio del cervello!

Anno: 1968
Durata:1h 48m
Regista: Luigi Comencini
Interpreti principali:
Nino Manfredi
Francoise Prevost
Gastone Moschin
Giampiero Albertini
Giorgia Moll

2.4.21

Controproverbi Journal - Pagina 13

Chi non risica non rosica. Però chi troppo risica ci rimette i denti.
Collage con ritagli di riviste/cataloghi e fili di cotone su pagine colorate con acrilici. Trasferimento d'immagine con gel plate.

junk journal