12.6.24

Un profilo...vincente!

Ebbene sì, lo posso affermare con sicurezza perchè questa mia testa spettinata si è classificata al primo posto nel contest promosso su Instagram da Gel Press, l'azienda americana produttrice di piastre gel:

Il contest è stato lanciato nella prima settimana di Maggio e chiedeva l'invio del un lavoro in gel printing entro il primo Lunedì di Giugno.

Il tempo a disposizione era più che sufficiente e mi sono decisa a partecipare soprattutto perchè nel regolamento del contest si diceva che sarebbe stata maggiormente apprezzata, oltre all'abilità nell'esecuzione del lavoro, anche la sua originalità...e cosa ci potrebbe essere di più originale di una tecnica che io stessa ho inventato?! E ieri ho avuto la gradita sorpresa dell'annuncio:

Ma oltre alla soddisfazione personale per il lustro che da' al mio lavoro questo riconoscimento, c'è anche un premio tangibile che non è cosa da poco:

Un mucchio di prodotti assortiti per belle arti che non vedo l'ora di provare! :)

11.6.24

La bellezza interiore

Le persone sono come le vetrate colorate: scintillano e brillano quando c'è il sole ma quando cala l'oscurità rivelano la loro bellezza solo se c'è una luce all'interno. (Elizabeth Kubler-Ross)

Trasferimento d'immagine ritoccato, come al solito, con ombretti e fard:

In più questa volta ho aggiunto la colorazione dei particolari dell'abito con UniPosca:

Dalla fustellata di un pizzo ho ricavato dei ritagli che ho utilizzato almeno in tre lavori diversi, qui ce n'è uno:

Il testo è scritto a pennarello direttamente sullo sfondo dipinto in gel printing:

10.6.24

Attività educative

Lo confesso, mi piacciono un sacco le attività di crafting cosiddette educative dedicate ai bambini: sono semplici da mettere in pratica, più simili ad un gioco che ad un compito e spesso danno risultati inaspettati. Guardate ad esempio questi sfondi:

Ho copiato l'idea per realizzarli da un video per l'infanzia dove si usavano palloncini gonfiati ad aria...ma visto che non dispongo di abbastanza fiato ho optato per una soluzione alternativa, state a vedere*:

Vi sembra una metodica troppo macchinosa e a rischio di danni per il rovesciamento dell'acqua? Allora lasciate perdere, tanto se vi piacciono questi sfondi li troverete qui da scaricare gratuitamente! ;) Cliccate sull'immagine sottostante per aprire la pagina di download:

download

*Se la visione non è ottimale sullo smartphone, probabilmente basterà impostare per il blog Visualizza versione WEB e tutto andrà a posto. ;)

9.6.24

I paladini...della sporcizia

Bighellonando su Instagram mi sono imbattuta in questo post:

Il video sottolinea con ironia la preoccupazione tutta italiana, purtroppo avvalorata dai fatti, di non trovare all'estero le stesse garanzie di comfort igienico a cui si è abituati in patria. Fin qui niente di nuovo....ma provate a leggere i commenti: ne sentirete di sciocchezze!

Indipendentemente dalle opinioni personali, probabilmente acquisite in famiglia, sull'utilità o meno del bidet -c'è chi afferma di riuscire a sopperirne la funzione stando in equilibrio sulla vasca!- è indubbio che una corretta pulizia delle parti intime non si può considerare una cattiva usanza e prenderla in giro o - peggio! - denigrarla mancando di rispetto verso chi la pratica non sarebbe degno nemmeno di un troglodita..eppure leggete qua:

Visto che, chiaramente, la signora non ha dimestichezza con le abluzioni intime, le perdoniamo l'ignoranza del fatto che prima di fare il bidet si usa comunque la carta igienica, ma sostenere addirittura che è anti igienico! Poi però la stessa tipa afferma che è meglio fare la doccia tutti i giorni...convinta evidentemente che il bidet sia un sostituto della doccia! Cara signora, se davvero pensi di essere pulita facendo una doccia al giorno e non ti lavi dopo aver espletato le tue funzioni corporali...preferisco non immaginare l'odore e/o il colore delle tue mutande alla sera!:))

È incredibile come certi elementi difendano con tale tracotante arroganza la propria mancanza di pulizia! Può essere che alcuni individui, come vorrebbe una certa corrente di pensiero, investano di un alone romantico il vivere in maniera naturale e spontanea il proprio io animale...a loro girerei allora la battuta di Marisa Tomei in Mio cugino Vincenzo, quando fa notare che anche un rutto è spontaneo ma non è affatto romantico! :)

Probabilmente è anche un problema di cultura (scarsa) e dell'inesperienza di usi e costumi di altri paesi più civili: me ne sono resa conto cercando in Rete qualche clipart da aggiungere al post, ecco un esempio di cosa si trova sui siti di lingua inglese alla voce bidet:

In siti diversi la grafica può cambiare ma il concetto è sempre lo stesso: all'estero sono convinti che sul bidet ci sieda come su un water e che per lavarsi lo si riempia come una vasca! :)) Insomma hanno presente un modello che forse risale a cent'anni fa e che niente ha a che vedere con gli attuali sanitari provvisti di erogatore orientabile!

Da giovane ero dotata di una buona autonomia che mi permetteva di uscire alla mattina e tornare alla sera senza aver usufruito di bagni pubblici. Più tardi ho trovato lavoro abbastanza vicino a casa da poterci tornare per la pausa pranzo...e mi bastava. ;) Tuttavia capisco che chi è costretto a vivere tutta la sua giornata lontano dalla propria abitazione sia costretto a fare di necessità virtù e ad arrangiarsi alla meglio con le salviettine umidificate, l'ho fatto anch'io in determinate situazioni e non sono certo morta...ciò non toglie che potersi lavare con l'acqua corrente è tutta un'altra cosa! ;)
Evviva il bidet allora...ed evviva i paesi più evoluti dove lo si può trovare comunemente installato!

8.6.24

Luna piena

Questa ragazza ha un viso tondo e sbiancato dal trasferimento d'immagine...e l'accostamento alla luna non sono riuscita ad evitarlo! :)

Texture ottenuta con un centrino di plastica sul gel plate, poi ripassata con la penna bianca, e strisce decorate per completare.

7.6.24

Il castello

Un edificio senza dubbio antico...eppure la struttura del ponte sembra così moderna!

6.6.24

Rubati al muratore!

Ovviamente è un modo di dire, i distanziatori per piastrelle che ho trasformato in attrezzi fai-da-me li ho regolarmente acquistati in un brico center. ;) Guardate che sfondi interessanti mi hanno permesso di realizzare:

In qualche occasione avevo già mostrato su Instagram alcuni di questi handmade tools ma non avevo ancora pubblicato il video della loro realizzazione...rimedio ora e, visto che sono attrezzi che uso da anni, ho deciso di farli rientrare nella categoria ThrowBack Thursday. Ecco il video*:

Se gli sfondi vi piacciono ma non avete il tempo o la voglia di prepararveli in proprio, ne ho scelto per voi una selezione che potrete scaricare gratuitamente cliccando su questa immagine:

download

Vi ricordo di darmi il credito se decidete di usare i miei backgrounds, a voi non costerà niente e a me farà solo piacere! :)

*Se la visione non è ottimale sullo smartphone, probabilmente basterà impostare per il blog Visualizza versione WEB e tutto andrà a posto. ;)